Dentro Tutti!

Per tutti e per tutte, al di là dei proclami

Giornata di studio sulla scuola pubblica

Lunedì 28 novembre 2022Gipsoteca di Arte Antica (Pisa), ore 15:30-19:30
a cura di Movimento di Cooperazione Educativa – gruppo territoriale di Pisa

Siete tutte/i invitate/i a partecipare. Sarà una giornata di studio aperta a tutti, a partecipazione libera e gratuita.

Per chi sarà interessata/o sarà anche l’apertura della formazione MCE di quest’anno, dedicata al tema dell’inclusione.

Sarà quindi possibile partecipare esclusivamente alla giornata di studio, gratuita e ad accesso libero. Ai sensi della Direttiva 170/2016 sarà rilasciato, su richiesta, attestato di partecipazione dall’MCE, ente accreditato presso il MIUR per la formazione, per un totale di 4 ore.

Oppure, partecipare alla giornata di studio e poi proseguire partecipando agli incontri formativi del corso di formazione DENTRO TUTTI. Gli incontri formativi prevederanno un’iscrizione e una quota, pagabile con la carta docente. Ai sensi della Direttiva 170/2016 sarà rilasciato, su richiesta, attestato di partecipazione dall’MCE, ente accreditato presso il MIUR per la formazione, per un totale di 22 ore.

Il cerchio, film di Sophie Chiarello

ANTEPRIMA REGIONALE – lunedì 28 novembre ore 21.00

cineclub Arsenale, vicolo Scaramucci, Pisa

Il Movimento di Cooperazione Educativa di Pisa in collaborazione con il cinema Arsenale, sono
lieti di annunciare la proiezione in anteprima regionale del film IL CERCHIO di Sophie Chiarello,
presentato alla Festa del Cinema di Roma 2022 nella sezione autonoma e indipendente Alice
nella città, da sempre specializzata nel cinema per e con i bambini e i ragazzi.
Sophie Chiarello ci mostra la crescita, i cambiamenti, i legami dei bambini e delle bambine di una classe multiculturale della Scuola primaria dell’IC Daniele Manin di Roma.
Un viaggio toccante che ci racconta di bambini e di scuola. Una scuola colorata e democratica.
La proiezione del film chiude una giornata di studio organizzata dal gruppo territoriale di Pisa del Movimento di Cooperazione Educativa sul tema dell’inclusione scolastica dal titolo “DENTRO TUTTI!”, nata con l’intento di indagare le cause didattiche, educative e politiche che trasformano la scuola da un luogo di integrazione e benessere in un ambiente di disagio collettivo. Essa a sua volta fa parte di un più ampio corso di formazione sul tema dell’inclusione.


Per maggiori informazioni, seguire i link.

Dentro tutti – il corso completo

Azioni politiche, educative e didattiche per una scuola davvero inclusiva

Il corso si compone di una giornata di studio e di tre laboratori.

La GIORNATA DI STUDIO, dal titolo Per tutti e per tutte, al di là dei proclami, si svolge presso la Gipsoteca di Arte Antica, Piazza S. Paolo All’Orto, 20, Pisa, lunedì 28 novembre 2022, dalle ore 15.30 alle ore 19.30 

Intervengono: Carlotta Bellomi (Save the children), Fabio Bocci (Università di Roma), Diana Cesarin (MCE Nazionale), Giusi Longo, (Liceo Maffeo Vegio, Lodi), Roberta Passoni, (MCE, Umbria), Cesare Moreno, (Associazione Maestri di Strada, Napoli), Maurizio Berni, (IIS Santoni), Michela Lupia (USR), Anna Cotrozzi e Alice Sensi (Società della Salute), Francesco Feola (IC Bagni di Lucca), Pietro Di Martino (Università di Pisa)

I LABORATORI si tengono presso la Scuola primaria don Milani, via Socci 4, Pisa

LABORATORIO #1: Radio mischia

Pratiche narrative e strumenti tecnologici per utilizzare la radio in modo inclusivo. 

domenica 22 gennaio 2023, ore 10.00 – 17.00

Conducono: Matteo Frasca e Clelia Bargagli

LABORATORIO #2: Parliamone per bene!

Pratiche di pedagogia istituzionale, dall’assemblea di classe agli spazi di parola come esperienze attive di educazione civica. 

sabato 11 febbraio 2023, ore 11.00 – 18.00

Conducono: Lisa Salvetti e Federica Lucchesini

LABORATORIO #3: Mappe fluide: dalla complessità alla sistematizzazione

Un’esperienza di didattica laboratoriale che si sviluppa a partire dallo stimolo iniziale e genera un fiume fluido di attività collegate. 

sabato 1 aprile 2023, ore 11.00 – 18.00

Conducono: Rita Di Ianni, Francesca Sempio e (Emi)Lia Venturato

Ai sensi della Direttiva 170/2016 sarà rilasciato attestato di partecipazione dall’MCE, ente accreditato presso il MIUR per la formazione per un totale di 22 ore.

Costo: 60 euro (ruolo), 30 (precari), 15 studenti

E’ necessaria l’iscrizione dal MCE (costo prima tessera 30 euro)

La partecipazione alla sola giornata di studio è gratuita.

La scuola come comunità professionale

La sede pisana

Articolo di Rita Di Ianni.

Apro una vecchia rivista di Cooperazione Educativa[1] e leggo un articolo di Diana Penso che mi colpisce: si parla di cuore pedagogico. Diana sostiene che in molte delle scuole che ha visitato manca un cuore pedagogico ovvero una riflessione più ampia e globale sul proprio progetto educativo.

È un articolo che mi travolge e mi porta alla mia scuola, quella dove lavoro come educatrice per un progetto extrascolastico, in cui si specchiano tutte le scelte che questa scuola, in primis attraverso il suo Dirigente, sta mettendo in atto.

Ho bisogno di immaginare una scuola senza barriere, senza voti; una scuola che torni a tessere legami col territorio; una scuola che apra le porte alla collaborazione, dove i bambini che vanno a mensa non trovino un personale incappucciato che serve loro un pasto, ma si alzino e collaborino al servizio; una scuola dove venga incentivata l’autonomia, dove non sia la parola sicurezza a regnare sovrana, ma la parola collaborazione; una scuola libera da slogan e da pubblicità che strizzano l’occhio al consumismo frenetico dei supermarket; una scuola aperta al mondo che è fuori; una scuola che riscopra il valore delle mani e del corpo; una scuola dove si possa entrare e sentire che è il bambino e il suo pensiero ad essere protagonista.

Alle Don Milani si respira il cuore pedagogico e questo respiro arriva in tutta la provincia di Pisa. La scuola è sede del Movimento di Cooperazione Educativa territoriale di Pisa; il Movimento nacque sulla scia del pensiero di Freinet nel 1958, dando vita a un’attenta ricerca che già in quegli anni poneva al centro del processo educativo i soggetti. La lunga storia del Movimento è caratterizzata dalla ricerca, dalla sperimentazione, dal desiderio di condividere e coinvolgere nel “mestiere dell’educare”.

La formazione

Il “nuovo” gruppo pisano del MCE è nato negli anni 2012/13[2] e da allora ha visto un crescendo di partecipazione. Gli insegnanti della scuola che operativamente partecipano alle riunioni mensili del Movimento sono tre, ma i locali della scuola diventano teatro delle iniziative di formazione MCE aperte a maestri ed educatori interessati e vedono la partecipazione di numerose maestre dell’istituto.

Questo clima di ricerca e formazione si rispecchia nel lavoro con i bambini e, a mio avviso, contribuisce a creare un panorama unico tra le scuole primarie del territorio.

Il gruppo territoriale pisano costruisce ogni anno un calendario di proposte formative sull’educare. I laboratori prevedono il riconoscimento ministeriale del MIUR e di anno in anno sono sempre più partecipati. Questi incontri rappresentano il cuore pulsante del movimento.

Formatori esterni arrivano a Pisa e propongono sia laboratori di qualche ora, sia laboratori residenziali. Talvolta qualche maestro o maestra del gruppo propone percorsi di formazione che ha sperimentato nelle proprie classi. Durante le riunioni mensili abbiamo modo di confrontarci anche sul tema affrontato nel laboratorio.

Le PCI

Una proposta a mio avviso molto interessante, che ho ritrovato attuata in entrambe le sedi è quella legata alle giornate di programmazione. Le scuole, infatti, proponevano in alternativa alla comune programmazione scolastica le “Programmazioni Cooperative Itineranti” (PCI).

Le PCI sono una forma nuova e sperimentale di organizzazione. Se la programmazione di classe o di plesso infatti costituiscono l’ossatura per l’efficacia dell’insegnamento, le Programmazioni Cooperative Itineranti possono risultare il concime per il rinnovamento delle pratiche e degli strumenti.

In ognuno degli incontri, che si tengono in varie scuole durante l’ordinario orario di programmazione, tutti gli insegnanti che lo desiderano possono costruire i propri “attrezzi del mestiere” utilizzando i materiali e gli strumenti a disposizione del gruppo: schede plastificate autocorrettive, flashcard, pannelli di procedure, strumenti musicali, giochi didattici.

Si possono confrontare gli oggetti e le pratiche in una sorta di “fiera permanente dell’educazione”. La scuola ospitante mette in mostra la propria organizzazione degli spazi e i propri materiali. Si può partecipare alle Programmazioni Cooperative Itineranti nelle ordinarie ore di programmazione di classe con il consenso del Dirigente Scolastico.


[1]Cooperazione Pedagogica, Vol. 4, n. 2.

[2] In passato era presente un altro gruppo territoriale pisano del Movimento. È stato attivo durante gli anni ’80. Alcune delle maestre delle Don Milani con più anni di esperienza ne facevano parte attivamente.

Contro i bambini. Lettera di un maestro

«Prendiamo atto che lo Stato si è definitivamente dichiarato contro ai bambini, identificandoli ufficialmente la fascia sociale da sacrificare in nome del salvataggio degli anziani. Mettere le generazioni una contro l’altra è davvero l’unica strada possibile?»

 

Articolo del maestro Luca Randazzo, coordinatore del MCE Pisa.

http://www.vita.it/it/article/2020/04/15/contro-i-bambini-lettera-di-un-maestro/155021/?fbclid=IwAR1XTbmww3VQbmELd9BbWAdZh3nivkNpD30ofR0DJqcv3NfD5OBUofXfVBA